Risotto con la zucca lunga di Napoli


Solitamente si tende ad associare la zucca all’autunno inoltrato: alle sagre di paese e ad Halloween. In realtà, c’è una qualità di zucca che matura tra luglio e settembre: è la zucca lunga napoletana, che ci regala la possibilità di cucinare questo meraviglioso ortaggio già in questo periodo, colorando così di un caldo arancione i nostri piatti. Una piacevolissima caratteristica, almeno per me, è che questa zucca ha la buccia sottile che ne rende semplice il taglio e la pelatura: non avete idea della fatica che faccio a tagliare le altre zucche e il conseguente indolenzimento alla spalla che mi porto appresso per qualche giorno! A dispetto della sua buccia sottile, le fette sono piene e la polpa compatta ha una splendida colorazione arancio intenso, che riscalda l’anima!!! La zucca napoletana ha molte qualità nutrizionali, ad esempio a fronte di un modestissimo apporto calorico (solo 18 Kcal per 100 grammi di prodotto) è ricca di vitamina A (599 mg per 100 gr) e risulta facilmente digeribile. Si può consumare cruda (nelle insalate), marinata, cotta al vapore o al forno, e può essere impiegata in preparazioni salate come in quelle dolci. Io stasera l’ho usata nella preparazione di un buon risotto.!



Ingredienti - Dosi per 4 persone


  • 400 gr di zucca mondata

  • 320 gr di riso arborio

  • 2 scalogni

  • 3 foglie di salvia

  • 3 rametti di timo

  • 1 bicchiere di vino rosè

  • 1 litro e mezzo di brodo vegetale

  • olio extra vergine di oliva q.b.

  • sale q.b.

  • ricotta affumicata a piacimento



Preparazione


Dapprima ho lavato e asciugato la zucca, poi l’ho tagliata senza difficoltà a piccoli pezzetti....ricordate che questa specie ha la buccia sottilissima?

Ho affettato gli scalogni e poi li ho tritati al coltello.

Ho messo il brodo vegetale a scaldare, portandolo pian piano a bollore.


Ho poi messo in una casseruola un cucchiaio di olio. Quando l’olio era caldo, ho aggiunto lo scalogno e l’ho fatto dorare.


Nel frattempo ho arrotolato i rametti di timo nelle foglie di salvia ed ho legato con lo spago da cucina.


Quando lo scalogno era dorato, ho aggiunto la zucca a pezzettini e le erbe aromatiche, ho salato un poco ed ho fatto insaporire, lasciando nel frattempo riscaldare la casseruola.


A questo punto ho aggiunto anche il riso, facendolo tostare e mescolando. Quando i chicchi di riso sono diventati lucidi, ho alzato la fiamma ed ho bagnato col vino rosé, lasciando evaporare l’alcol.

Successivamente, ho abbassato la fiamma ed ho aggiunto due mestoli di brodo, lasciandolo assorbire e mandando avanti la cottura.

Ho continuato ad aggiungere mestoli di brodo fino a che il riso è arrivato a cottura, ossia in circa 16-18 minuti.


Infine, per mantecare il risotto ho scelto di usare della ricotta dura affumicata che ho grattugiato e mescolato in casseruola. Ho incoperchiato e lasciato riposare un paio di minuti, così che i profumi ed i sapori si amalgamassero e poi ho servito.


I bambini, dapprima scettici, hanno mangiato con molto gusto, chiedendo anche un piccolo bis!


Cosa aggiungere?


Ah, sì! Buon appetito!

#panpagni #federica #ricetta #salato #primo #zucca #vegetariano #glutenfree #vitaminaA #risotto

RECENT POSTS

pan&pagni P.iva 03151930967