Crostata SENZA GLUTINE e vegan


Erano settimane che avevo voglia di una buona crostata, di quelle che hanno la classica griglia che racchiude una buona composta di frutta.

Non mi ero ancora decisa a farla perché la celiachia ed il dictat "senza glutine" mi avevano un po' bloccata.


Nella mia precedente sperimentazione ero passata dalla classica frolla "uova e burro" ad una frolla vegan, di quelle "senza", cioè senza uova e senza burro, di quelle che fanno strabuzzare gli occhi agli interlocutori di turno....ma che sono alla fine ugualmente gustose, ma decisamente più leggere.


Bene, avevo trovato la mia frolla "senza" ed era un piacere prepararla e gustarla.

Il pensare di toglierle le farine classiche, quelle con le quali, più o meno integrali, ero abituata a lavorare mi sembrava difficile.

Il rendere la frolla vegana ancora più "senza", perché anche senza glutine, mi sembrava proprio un muro invalicabile.

E tutto questo sempre per le solite parole lette o ascoltate: le farine stanno difficilmente insieme.


Solo che la voglia di crostata era troppa.

Sono partita allora con l'ennesima ricerca sui blog che ormai fanno un po' da riferimento o da bibliografia in questo mio nuovo percorso.

Ed ecco che tra le ricette di frolla a base di farine naturali senza glutine mi colpisce quella delle Crostatine con crema di mandorle e mele di Leti, perché assomiglia molto alla mia vecchia frolla vegan, ma glutinosa.


Ho accompagnato questa frolla a base di farina di grano saraceno con una composta di frutti di bosco, pensando alle Linzer torte altoatesine.

L'assaggio mi ha dato ragione: la punta di acidità dei frutti di bosco ben si sposa con il retro gusto amarognolo del grano saraceno.



Ingredienti - Dosi per una tortiera di 24 cm di diametro


Per il guscio di frolla:

  • 70 gr di mandorle con la buccia

  • 150 gr di farina di grano saraceno

  • 100 gr di farina di riso

  • 70 gr di olio di mais

  • 70 gr di zucchero di canna integrale

  • 80 ml di acqua

  • la scorza di un limone grattugiata

  • un cucchiaio di lievito per dolci

Per il ripieno:

  • composta di frutti di bosco


In caso di fruizione da parte di un celiaco, tutti gli ingredienti utilizzati devono essere certificati "senza glutine".



Preparazione


Dapprima ho tritato il più fine possibile le mandorle con la buccia. In realtà non sono riuscita ad arrivare ad avere una farina, ma non imposta perché a me piace sentire il pezzettino, seppur piccolo, di frutta secca sotto i denti.


Ho poi messo in una ciotola le farine setacciate con il lievito, ho aggiunto le mandorle tritate, la scorza del limone grattugiata e lo zucchero ed ho dato una mescolata con un cucchiaio di plastica.


A questo punto ho aggiunto anche l’olio e l’acqua poco alla volta, mescolando dapprima con il cucchiaio e poi impastando con le mani su una spianatoia.


Quando la frolla sarà della giusta consistenza, cioè morbida ma non appiccicosa, hop fatto un panetto e l'ho lasciata riposare circa 5 minuti fuori dal frigorifero.


A questo punto ho tolto all'incirca 1/3 dell'impasto e l'ho tenuto da parte per le decorazioni. Con i restanti 2/3 dell'impasto ho preparato il guscio della crostata stendendo la pasta frolla su un foglio di carta da forno, che ho poi usato per rivestire la teglia scelta per la cottura.


Una volta rivestita la teglia, ho fatto dei fori sul fondo del guscio con i rebbi di una forchetta ed ho farcito con la composta di frutti di bosco.


Per ultima cosa ho steso l'ultima parte di frolla e ho tagliato utilizzando una rotella tagliapasta le strisce della griglia decorativa.


Infine, ho infornato la crostata in forno caldo a 180°C e cotto per 30 minuti.


Una volta cotta, ho tolto la crostata dal forno e l'ho fatta raffreddare in taglia. Solo una volta fredda l'ho tolta dallo stampo, per evitare che da calda si rompesse.


Buona crostata a tutti!

#panpagni #federica #ricetta #dolce #dessert #fruttasecca #mandorle #senzaglutine #glutenfree #vegan #senzauova #senzaburro #senzalattosio #farinadigranosaraceno #farinadiriso #colazione #merenda

RECENT POSTS